Solidarietà e sangue freddo di fronte al coronavirus

L’Assemblea Occitana chiede di seguire le misure di confinamento che si applicano in tutte le parti dell’Occitania:

L’Assemblea Occitana incoraggia a resistere e mantenere il sangue freddo di fronte alle crescenti minacce del coronavirus.

Chiediamo alla popolazione di applicare misure di protezione della salute e di collaborare con le autorità. È necessario seguire le norme ufficiali in materia di igiene, confinamento e distanza tra le persone, secondo quanto affermato da ciascuna autorità locale. È un’emergenza mondiale in cui seguiremo le istruzioni per la nostra salute e quella dei nostri vicini.

I progressi ultra-rapidi del Covid 19 mostrano che risorse eccezionali devono essere immediatamente iniettate negli ospedali: molto più personale, molte più attrezzature e molto più denaro pubblico.

I governi dovranno quindi pensare alla difesa dell’occupazione e dell’economia. Le nostre Valli Occitane sono state la prima area dell’Occitania colpita da misure speciali. Certamente, nelle nostre Valli, siamo rimasti perplessi nel constatare che, sabato 7 marzo, molte persone sono arrivate a sciare arrivando da Milano e Bergamo, dove il virus era già forte.

Deploriamo la visione degli stati (i cosiddetti “stati nazionali”) che abbandonano la loro missione di proteggere i popoli. Gli ospedali sono sopraffatti perché gli stati hanno rifiutato di fornire i mezzi per un servizio pubblico in grado di rispondere a tale crisi. Hanno anche ignorato l’uguaglianza di trattamento tra i territori.

Tuttavia, ora non è il momento di moltiplicare nuove controversie. È tempo di rafforzare la solidarietà, l’organizzazione e la collaborazione tra tutti.

Potremmo avere delle riserve su alcune misure di sanità pubblica, ma il sangue freddo e la protezione di tutti sono le priorità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.