La legge Molac per le lingue minoritarie è un importante passo avanti

L’Assemblada Occitana è molto lieta che la nuova legge Molac, a favore delle lingue minoritarie, sia stata adottata dal Parlamento francese. Ci congratuliamo con il suo impulsore, il coraggioso deputato bretone Paul Molac. Ci congratuliamo anche con le associazioni e gli eletti che si sono mobilitati per approvare questa legge nonostante l’ostilità dei giacobini.

La legge Molac sblocca importanti misure per promuovere l’occitano e altre lingue:

  • Incoraggia un’offerta di istruzione occitana facoltativa nelle scuole pubbliche.
  • Autorizza l’insegnamento immersivo in occitano nelle scuole pubbliche.
  • Crea aiuto quando i bambini vanno nelle scuole occitane al di fuori del loro comune.
  • Incoraggia le iscrizioni pubbliche e visibili in occitano.
  • Obbliga l’amministrazione ad accettare i nomi occitani con segni non francesi come “í” o “ò” in “Alícia” o “Jòrdi”.

Naturalmente, l’Assemblada Occitana è consapevole del fatto che lo Stato francese giacobino metterà un freno all’applicazione di questa legge. I partiti giacobini e gli pseudo-intellettuali faranno una sporca guerra contro questa legge. Sappiamo già che i partiti LFI e LREM sono tra i più ostili alle lingue minoritarie. Lo ricorderemo.

La legge Molac è un buon passo avanti, ma è ancora insufficiente. Saranno necessarie ulteriori misure per promuovere efficacemente l’occitano:

  • Aiuto alle famiglie in cui i genitori parlano occitano ai loro figli.
  • Insegnamento obbligatorio dell’occitano in tutte le scuole, formazione massiccia degli insegnanti in occitano.
  • Status linguistico ufficiale dell’occitano in tutta l’Occitania, dalle Alpi all’Atlantico.
  • Il diritto di utilizzare l’occitano in tutti i settori della vita pubblica e professionale.
  • Installazione ambiziosa dell’occitano nei mezzi di comunicazione.
  • Massiccio sostegno alla letteratura e alla musica in occitano.
  • Sostegno massiccio alla produzione audiovisiva in occitano (cinema, film televisivi, ecc.).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.